Il Natale La Cort

Ci stiamo avvicinando al momento più atteso dell’anno, quello che riunisce grandi e piccini tutti insieme per festeggiare il Natale.

Per l’occasione noi di La Cort abbiamo preparato un catalogo con diverse idee regalo: decorazioni natalizie, accessori per la cucina con una selezione specifica di coltelli, accessori per uomo e donna, giochi da tavolo e due linee naturali di cosmetici. Abbiamo individuato proposte di diverso budget, per un piccolo pensiero sino ad un regalo più importante.

Dalle tradizioni della nostra terra, il Friuli Venezia Giulia, dall’esperienza e dalla conoscenza degli artigiani, ecco il Catalogo Natale 2018: LaCort Natale2018

Per ogni informazione potete chiamarci al 392 9967222 oppure scrivere al Servizio clienti.

Buona visione!

 

set grappa

 

L’arte di intrecciare

Borsa scus

Dedichiamo il mese di agosto ad un accessorio tipicamente estivo che proponiamo sul nostro on-line store: la sporta. La classica sporta per la spesa è ora più che mai attuale e rivisitata per essere una borsa di più ampio utilizzo: borsa shopping, borsa per la spiaggia e, con il giusto abbinamento, anche accessorio perfetto per la sera.

Accessorio realizzato in diversi tipi di materiali, a livello locale (Friuli Venezia Giulia) è facile imbattersi nella versione in cartoccio: La Cort ha voluto proporre questi articoli perché sono strettamente caratterizzanti l’economia contadina di un tempo e contemporaneamente si sono evoluti offrendo anche oggetti di utilizzo quotidiano. Il suo plus? Lavorazione artigianale, completamente eseguita a mano e che adopera una materia prima proveniente dalla natura.

borsa shopping

 

Un po’ di storia

La sporta in cartoccio rappresenta una parte davvero rilevante della tradizione locale e del mondo contadino. Infatti le realizzazioni che potete ammirare nella sezione Accessori sono il frutto di una sapiente lavorazione artigianale rimasta viva ormai in pochissimi posti e poco più che a livello di hobbistica. Lo scus (termine della lingua friulana che significa cartoccio, foglia di pannocchia di mais) ebbe fino a qualche decennio fa un grande successo e richiesta, anche dall’estero.

Lavorazione sviluppatasi a partire dal ’600 dopo la diffusione della coltivazione di mais, in varie regioni che poi saranno inglobate nell’Impero asburgico, trovò un particolare sviluppo nella zona di Reana del Rojale a nord di Udine. Non è chiaro quale matrice comune possa esserci tra le varie zone ma sicuramente rientrava nell’abitudine del passato di utilizzare tutte le materie prime a disposizione.

Con lo sviluppo della raccolta meccanizzata del mais questa attività declinò, ma in questi ultimi anni la Proloco del Rojale ha voluto portare avanti la conoscenza di questo mestiere ed organizza corsi ed eventi per coinvolgere sempre più persone, anche se ad oggi è ormai una produzione limitata.

Come fare una borsa artigianale in cartoccio

La realizzazione di una borsa fatta a mano con lo scus richiede innanzitutto la raccolta a mano delle pannocchie di mais e poi una preparazione particolare delle brattee, cioè delle foglie, che vengono pulite e sbiancate oppure, se di tonalità rosse, lasciate naturali o ancora tinte in altri colori. In seguito vengono inumidite nell’acqua tiepida per essere più morbide e nel caso di realizzazione di sporte e borse si deve attorcigliarle per creare una corda.

Per realizzare sporte e borse è necessario uno stampo intorno al quale si inizia ad intrecciare il cordino realizzato, aiutandosi anche con un ago ricurvo, ottenendo quindi un pezzo unico senza tagli e cuciture, solo i manici vengono aggiunti dopo. Grazie anche ai vari colori ed ai molteplici intrecci si possono creare molti modelli che in passato hanno avuto grande successo anche all’estero.

sporta in cartoccio

Era molto comune fino a qualche decennio fa realizzare sporte ed altri articoli in casa soprattutto con manodopera femminile, che poi venivano raccolti da appositi agenti che si occupavano della distribuzione e rivendita nelle grandi città ed all’estero.

 

Altri prodotti della lavorazione del cartoccio

Molti oggetti ed accessori di uso comune sono proposti in una versione di dimensioni ridotte: anche per la sporta accade che ci sia la versione “mini”, proposta però non più come accessorio ma come idea regalo originale e bomboniera. Infatti la grandezza è quella giusta per potervi inserire i confetti ed esternamente la borsina si presta per un’elegante confezione personalizzata in base al gusto del cliente.

coppia di borsine

Un’altra tipica realizzazione sviluppatasi dagli anni Settanta del Novecento è la bambolina, molto utilizzata come bomboniera o ricordo per gli emigranti friulani. Lasciando le foglie intere, invece di attorcigliarle, si possono creare strati sovrapposti, legati fra loro e di diversi colori fino a sviluppare diverse figure; il materiale si presta ad altissime personalizzazioni, ad esempio si possono riprodurre mestieri contadini o coppie di fidanzati/sposi.

cake topper

 

Sono molte le realizzazioni che si possono eseguire seguendo il proprio gusto e stile personale: di certo non si passa inosservati con una borsa realizzata completamente a mano che si distingue nei particolari, nelle straordinarie sfumature di colori e che rappresenta un oggetto che sostiene l’ambiente, riutilizzando un materiale naturale normalmente scartato!

Contattaci per avere maggiori informazioni o chiedere un preventivo per personalizzare la tua borsa shopping! 

Raccontaci la tua sporta!

Sporta in cartoccio

L’abbiamo sempre vista come classica borsa per la spesa e quasi tutti noi ne abbiamo una in casa, di quelle utilizzate dalla nonna realizzate in vimini, in stoffa o proprio in cartoccio, come le proposte di #lacortstore.

Si, perché la sporta è un elemento classico e più che mai attuale, rivisitato per essere un accessorio adatto dalla mattina alla sera e facilmente personalizzabile.

Mandaci la foto della tua sporta o pubblicala sulla nostra pagina Facebook, per te un buono sconto da utilizzare sul nostro sito!

Siamo curiose di scoprire nuovi modi d’uso, materiali diversi, sapere a chi apparteneva ed ogni curiosità su questo prezioso oggetto. Noi l’abbiamo ambientata in spiaggia, e tu? 🙂

#raccontacilatuasporta

A presto!

Maura e Caterina

… Pasqua con chi vuoi!

ovetto di Pasqua

Quando a Natale ti viene detto “Natale con i tuoi” non hai altra scelta che accettare e pensare che invece a Pasqua ti sentirai più libero di organizzarti le festività diversamente: Pasqua e Pasquetta, due giornate festive che accomunano diversi Paesi europei ed extraeuropei, sono da tutti sentite come l’occasione per respirare aria di primavera… tempo permettendo 🙂

È l’occasione per prendere l’auto per un viaggio o una gita fuori porta oppure semplicemente per trascorrere alcune ore in famiglia o con gli amici. Sulle nostre montagne friulane è ancora possibile sciare dato che la stagione invernale è stata ufficialmente prorogata fino ad inizi aprile. Dall’altra parte le prime giornate di sole ci invitano verso le spiagge di Grado e Lignano per una passeggiata sul lungomare con un effetto aerosol assicurato. Allora perché non lasciarti guidare dalle tue preferenze? Basta una sporta, un set per il pane & salame e magari una tovaglietta per organizzare velocemente un pic-nic sulla neve o sulla spiaggia. Atmosfera rilassante anche nei parchi o nelle riserve boschive dove ricercare un prato per posizionarsi con un tavolino ed una sedia e preparare una gustosa grigliata…non dimenticare però il set coltelli per bistecca ed attento a spegnere i fuochi!

Cosa propone, invece, la tradizione nella nostra Regione? Di tradizione antica e prettamente friulano, è il Gioco del Trùc, evento ormai noto che si svolge annualmente a Cividale del Friuli nelle giornate di Pasqua e Pasquetta. Secondo le informazioni pubblicate dal sito turistico della cittadina, diversi sono i borghi sede della manifestazione e gli orari a cui è possibile assistere alle gare (approfondisci). A testimoniare la tradizione un documento conservato nella città ducale che parla di numerose varianti dell’epoca (già dal XVIII secolo o forse prima). Ma in cosa consiste il gioco? Esso consiste nel far rotolare delle uova sode di gallina (colorate come vuole la tradizione con fiori e piante) lungo una discesa di sabbia creata appositamente al vertice della quale viene collocata una tegola, punto di partenza del gioco. Le uova lasciate cadere lungo la tegola rotolano verso il basso andando a toccare le altre già presenti nel “catino” di sabbia (il Trùc), generalmente delimitato da mattoni che formano un campo di gioco circolare. Il gioco ha regole molto precise che si tramandano da generazioni. Lo scopo del gioco, che richiede una discreta abilità, è quello di colpire una o più uova all’interno del Trùc.

Per chi desidera approfittare delle festività per regalarsi un po’ di cultura, interessante l’offerta proposta dai musei regionali: nel capoluogo di Regione una serie di aperture garantite nei giorni di Pasqua e Pasquetta come comunicato dalla rete museale del Comune di Trieste e, a Pordenone aperture straordinarie presso il Museo Civico D’Arte. A Udine l’amministrazione comunale propone diversi eventi legati alla primavera ed alla Pasqua.

Ultimi giorni anche per visitare la mostra a Villa Manin di Passariano dedicata ad uno degli artisti più significativi e rappresentativi del Novecento: Joan Miró. Già moltissime persone hanno goduto di questa esposizione che rimarrà aperta sino al prossimo 3 aprile.

Dopo avervi dato alcuni spunti per passare due giornate all’insegna del relax, non ci resta che augurarvi una Buona Pasqua!

coniglietto Pasqua

 

 

Primavera in casa tua

spatola sposi Lamami

L’anno 2016 ci porta una Pasqua anticipata rispetto a quanto siamo abituati; le giornate ancora invernali si alternano al primo tiepido tepore dei raggi del sole… allora usciamo dal torpore invernale e prepariamoci appieno a vivere la primavera che sta arrivando.

Come siamo abituati a prepararci per questo periodo? Colori in primis, che attirano l’attenzione e mettono buonumore agli ospiti quando varcano la soglia di casa nostra. Se da una parte le tendenze parlano di colori tenui per decorazioni, accessori e tessili, dall’altro lato i tocchi vivaci del verde, giallo e fucsia caratterizzano normalmente questo periodo.

La scelta delle decorazioni non è casuale se anche tu ricerchi l’artigianato di qualità, magari fatto di elementi semplici come quelli che vengono dalla natura. Ne sono un esempio le creazioni in cartoccio, oggetti che puoi anche lasciare esposti tutto l’anno alternandoli a seconda della stagione: ad esempio curiosi coniglietti si affacciano da dietro il vaso di fiori o saltano felici su paglia colorata, e dalla codina arrotolata spunta il cioccolatino per l’ospite meravigliato. Il coniglietto pasquale è per tradizione l’animaletto delle storie che porta le sorprese ai bambini e, rappresentando la fertilità, è legato al periodo primaverile segno di rinascita della natura. Potete, appunto, arricchirli con ovetti colorati e riporli in cestini, oppure si possono esporre in composizioni per centrotavola o da posizionare in qualche angolino della casa.

Anche la campanella, simbolo pasquale per antonomasia poiché significa richiamo alla Risurrezione, la troviamo in tante riproduzioni artigianali; le campanelle in cartoccio dai nastrini colorati si possono appendere su diverse altezze creando un gioco ottico e variopinto.

Se non lasci al caso i dettagli, chi se ne accorge di sicuro apprezzerà!

Pensi a una tavola perfetta? Regalati la fine tessitura carnica: noi ti proponiamo la tovaglia Primavera in puro lino di fiandra in color ecrù, adatta per abbinare stoviglie e piatti colorati, ma anche decorazioni a tema. Per i tessili consigliata anche la nuance color pesca, come ricorda il nostro set americano Primavera. Prodotti facilmente lavabili in lavatrice con temperature fino a 40°C, sono entrambi prodotti da Carnica Arte Tessile: realtà unica nel suo genere che dagli anni ’50 produce preziosi manufatti, riprendendo la locale tradizione tessile sviluppata a suo tempo da Jacopo Linussio.

Anche i toni medi come il viola ed il marrone sono un must della stagione: noi te li proponiamo nelle decorazioni eseguite a mano sui piatti da portata della linea Rustico Moderno. I fiori ripropongono lo stile tradizionale della manifattura pordenonese “Galvani”, operante a cavallo fra il XIX ed il XX secolo, e portatrice dell’autentica tradizione friulana delle ceramiche. I nostri artigiani locali ne hanno recuperato svariati motivi e sapientemente li rendono attuali sulle moderne maioliche.

Ed infine, se la Pasqua si avvicina… Vuoi davvero stupire? Un originale uovo porta-sorpresa per arrivare pronti alle Feste. Forse hai pensato di comprare quello di cioccolato e di inserirvi la sorpresa all’interno, ma se l’uovo fosse facilmente apribile e richiudibile ed oltre al regalo diventasse un prezioso portaoggetti, non sarebbe ancor più gradito?

Allora cosa aspetti?… Pasqua is coming!